fbpx

Diwali, la festa della luce. La vittoria del bene sul male.

Il Diwali è una festività indiana che dura per 5 giorni, durante la quale non c’è villaggio o città che non sia decorata con luci ad olio e fiori, creando un atmosfera quasi magica che pervade tutta l’India, tanto da essere considera come il “Natale indiano”.

  • Primo giorno: Dhanteras
  • Secondo giorno: Naraka Chaturdasi
  • Terzo giorno: Amawasya (Diwali)
  • Quarto giorno: Balipratipada
  • Quinto giorno: Bhaiya Dooj

La festa Diwali cade nel quindicesimo giorno del mese Indù di Kartika (ottobre o novembre). Quest’anno i festeggiamenti iniziano il 14 Novembre e il Diwali si celebra il 16 Novembre (luna nuova).

Primo giorno: Dhanteras

Il primo giorno del Diwali è chiamato Dhanteras. “Dhan” significa ricchezza e “teras” si riferisce al tredicesimo giorno di due settimane lunari sul calendario indù.

Si celebra Lakshmi, la Dea dell’abbondanza, che in questo giorno è uscita dalle acque turbolente dell’oceano.

La Dea viene accolta con una speciale puja (rituale), le case vengono ripulite da cima a fondo e illuminate con la luce delle lampade “diya” (lampada ad olio composta di norma da argilla, con uno stoppino di cotone immerso nel Ghi o nell’olio vegetale) per ricevere la sua visita e benedizione.

Questa giornata è dedicata alla celebrazione della prosperità, quindi è consuetudine acquistare dell’oro e fare dei regali per la famiglia.

Secondo giorno: Naraka Chaturdasi

Il secondo giorno è chiamato Naraka Chaturdasi o Choti Diwali (piccolo Diwali).

Si narra che il demone Narakasura sia stato ucciso da Krishna, Satyabhama e Kali.

Tutti i riti sono celebrati al mattina presto e tutta la casa deve essere sempre ben illuminate con le diya e decorate con fiori freschi, per accogliere il ritorno di Rama, Sita e Lakshmana.

Si crede che in questo giorno la dea Kali e il dio Krishna abbiano distrutto il demone Narakasura. A Goa, per festeggiare, vengono bruciate delle effigi di demoni.

Terzo giorno: Amawasya (Diwali)

Il terzo giorno Amawasya è il più importante, ovvero il Diwali. Tutto quello che non è stato fatto nei giorni precedenti dovrà essere fatto in questa giornata, per prepararsi a dare il benvenuto alla Dea Lakshmi, con una speciale puja eseguita la sera.

Questo giorno coincide con la luna nuova nell’India settentrionale e occidentale.

Quarto giorno: Balipratipada

Il quarto giorno chiamato anche Balipratipada (Padiwa) e ha vari significati in tutta l’India.

In questa giornata si celebrano le divinità Krishna o Vishnu, l’amore e le coppie appena sposate. Si prepara un pranzo in loro onore e il marito fa un dono speciale alla moglie.

Quinto giorno: Bhaiya Dooj

Il quinto e ultimo giorno di Diwali, chiamato Bhaiya Dooj (Bhai Dooj) è dedicato al legame tra fratelli e sorelle che rinnovano reciprocamente l’affetto che li lega. Le sorelle segnano la fronte dei fratelli con il tilak e pregano per il loro benessere, i fratelli invece ricambiano con un dono e con la loro benedizione.

Diwali, la festa della Luce

Il Diwali è definito “la festa della luce” perché simbolicamente ricorda la vittoria del bene sul male. La glorificazione della luce interiore sull’oscurità.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on linkedin
LinkedIn
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email

Lascia un commento