fbpx

La sofferenza è una tua scelta

La sofferenza è una tua scelta, perché anche se avviene automaticamente, non è vero che tu devi subirla per forza. Sei tu che devi scegliere se vuoi continuare a soffrire oppure se vuoi interromperla.

 

Comprendere questo concetto è davvero importante per te, perché può fare la differenza nella tua vita.

 

Tu puoi scegliere di non soffrire, puoi scegliere la gioia anziché la sofferenza in ogni istante, devi solo imparare come farlo.

 

Per farlo, prima di tutto devi comprendere come interrompere modalità reattiva di sofferenza.

 

La sofferenza è la tua reazione alla realtà che non vuoi

 

Ovviamente, la tua scelta di soffrire non è consapevole, perché nessuno sceglie di soffrire volontariamente.

 

La sofferenza che provi è una reazione che utilizzi in risposta a situazioni, cose o persone che non corrispondono alle tue originarie aspettative.

 

Tu soffri ogni qualvolta la tua realtà esterna, non corrisponde alla vita che vorresti. La tua sofferenza nasce dal fatto che non riesci ad accettare la realtà per quella che è.

 

Utilizzi la tua sofferenza come una strategia (in modo inconsapevole), per urlare al mondo  che stai subendo un’ingiustizia e che non lo meriti.

 

Utilizzi questa strategia di comportamento, nella speranza che le cose si aggiustino da sole.

 

Da bambini forse funzionava bene, perché per zittire le tue urla o i tuoi pianti, arrivava subito uno dei tuoi genitori a consolarti. Magari con un bel gelato, ma da adulti non funziona così.

 

La tua modalità reattiva di sofferenza è conseguenza di un sistema di credenze, che si è radicato in te fin dai primi anni di vita.

 

È un po’ come se dentro di te ci fosse un sistema programmato, che in automatico ti fa reagire sempre allo stesso modo.

 

Ad esempio, ogni qual volta vivi determinati scorci di realtà che non ti piacciono, automaticamente entri in modalità reattiva di sofferenza.

 

La sofferenza è una modalità reattiva che non controlli

 

La sofferenza che si attiva automaticamente quando vivi certe situazioni o entri in relazione con alcune persone, praticamente è fuori dal tuo controllo razionale, non puoi farci niente.

 

Quando soffri, non hai il controllo di te, sei vittima delle tue emozioni di dolore e di tristezza. Di solito non puoi fare altro che vivere quella sofferenza, finché l’automatismo non si sarà completato.

 

Se vuoi scegliere di vivere nella gioia, quindi devi imparare come controllare le tue reazioni emotive automatiche, ma devi imparare come farlo prima.

 

Sì, devi imparare come correggere questo tuo automatismo prima che si attivi, perché non puoi farlo mentre è già in atto.

 

Modalità reattiva soggettiva

 

Non esistono situazioni, cose o persone che in assoluto creano sofferenza, perché si tratta sempre di una reazione soggettiva, che dipende dal tuo paradigma.

 

Anche l’intensità della sofferenza, non dipende dall’evento di per sé, ma dal tuo corpo-mente.

 

Cioè dal tuo ego, che ha una percezione distorta della realtà esterna e che reagisce a essa, entrando in modalità reattiva di sofferenza.

 

Ad esempio, ci sono molte testimonianze di persone, che nonostante abbiano vissuto un trauma personale, non sono entrate in modalità reattiva (o solo per un breve periodo).

 

Non essendo entrate in modalità reattiva, sono riuscite a estrapolare il dono dalla propria esperienza, apportando così dei grandi e significativi cambiamenti nella propria vita.

 

Come imparare a scegliere la gioia anziché la sofferenza

 

La prima cosa che devi considerare, è che tu reagisci sempre allo stesso modo di fronte a determinate situazioni, cose o persone.

 

Il tuo paradigma ti fa entrare in modalità reattiva (di sofferenza), quando accadono un determinato tipo di situazioni.

 

Si tratta solitamente di situazioni che non corrispondono a ciò che ti aspettavi. Per interrompere la tua modalità reattiva di sofferenza, devi fare due cose:

 

  • Imparare come individuare le emozioni/vibrazioni esatte, che hai provato durante la tua reazione di sofferenza.
  • Imparare gli strumenti necessari per trasmutare la matrice vibrazionale (bassa) alla base della tua modalità reattiva di sofferenza.

 

Un passo alla volta

 

Impara come portare la tua consapevolezza dentro di te, per comprendere ciò che hai provato e qual era il tuo reale punto di attenzione vibrazionale.

 

Solo così potrai trasmutare le tue vibrazioni predominanti, applicando le tecniche che imparerai seguendo i miei corsi.

 

In questo modo, potrai sostituire le tue vibrazioni limitanti con delle vibrazioni potenzianti.

 

Ad esempio, non solo potrai interrompere il tuo paradigma di sofferenza, ma potrai addirittura sostituirlo con un paradigma di gioia.

 

Man mano che imparerai a trasmutare le tue vibrazioni predominanti, entrerai sempre meno in modalità reattiva.

 

Ad un certo punto, riuscirai addirittura a mantenere il controllo attivo (senza soffrire), in quelle stesse situazioni che prima di facevano soffrire.

 

Così in base alla – Legge di Attrazione – non entrando più in modalità reattiva, non solo eviterai di soffrire in quel momento, ma eviterai anche di attrarre ulteriori situazioni, cose e persone di sofferenza, invertendo così la direzione tua realtà verso la gioia.

Meditazione “11 respiri per cambiare”

Puoi cambiare la tua vita 11 respiri alla volta. Non importa dove ti trovi, ovunque tu sia, fermati e prenditi del tempo per te.

  • Ambiente: ovunque ti trovi.
  • Posizione: in piedi, seduti o sdraiati.
  • Tempo richiesto: conta 11 respiri.

11 respiri per cambiare la tua vita, portando l’attenzione dentro di te. Fallo adesso!

  1. Chiudi gli occhi e fai un respiro profondo.
  2. Poi riprendi il tuo respiro naturale, inspira ed espira.
  3. Porta l’attenzione nel tuo Cuore, inspira ed espira.
  4. Osserva (o ascolta) quello che accade dentro di te senza giudizio, inspira ed espira.
  5. Lascia espandere la Luce dal Cuore in tutto il tuo corpo e oltre i limiti del corpo fisico.
  6. Continua a respirare, fino a completare gli 11 respiri.
  7. Poi fai un respiro profondo e con il tuo tempo apri gli occhi.

Conclusione

La sofferenza è una tua scelta inconsapevole, una modalità reattiva che il tuo ego mette in atto quando si trova a vivere un determinato tipo di realtà che non gli piace.

 

Cioè situazioni, cose o persone, che di solito non corrispondono alle sue originarie aspettative.

 

Questa modalità reattiva di sofferenza, è la conseguenza di un paradigma interno, che non ti permette di vivere liberamente la tua vita.

 

Quando soffri, non hai più il controllo di te e della tua vita, sei totalmente in balia delle tue emozioni di dolore e di tristezza.

 

La tua vita, però, non deve essere necessariamente di sofferenza, ma può essere di gioia e di amore.

 

Per scegliere di vivere nella gioia, devi:

 

  • Imparare come individuare le emozioni/vibrazioni esatte, che hai provato durante la tua reazione di sofferenza.
  • Imparare gli strumenti necessari per trasmutare la matrice vibrazionale (bassa) alla base della tua modalità reattiva di sofferenza.

 

Smetti di essere vittima delle tue emozioni, sii finalmente padrone della tua vita e segui direzione che desideri.

 

Tu puoi imparare come vivere nella gioia anziché nel dolore. Puoi scegliere in ogni istante. Tu puoi scegliere la gioia invece che la sofferenza.

Ti auguro Gioia, Amore e Prosperità
– Leandro

[Il seguente articolo è la trascrizione completa di questo episodio di Leandro Satsang Live. Considera che in questo episodio, come in tutti gli episodi di LSL, Leandro parla in modo estemporaneo, canalizzando le informazioni direttamente dal campo unificato. Questo episodio non è preparato e non è stato modificato (è registrato in una sola ripresa e senza tagli). Leandro Satsang Live è una serie di auto-aiuto, che sostiene ogni giorno migliaia di persone e che ha lo scopo di aiutarti a creare la tua Ricchezza Evolutiva. Iscriviti al Canale YouTube.] 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email

Lascia un commento